coin.it
IL PROGETTO IL GRANDE MAGAZZINO IL MARCHIO IL CLIENTE

IL GRANDE MAGAZZINO ITALIANO

I primi 100 anni della storia di Coin sono stati caratterizzati da una costante ricerca d’innovazione e rinnovamento, da parte di un’azienda sempre al passo coi tempi se non addirittura in anticipo sui bisogni dei propri consumatori.

Tutto ha avuto inizio nel 1916, quando Vittorio Coin ottiene la licenza di ambulante per la vendita di tessuti e mercerie a Pianiga (Ve), portando avanti con piglio moderno la tradizione commerciale dei mercanti veneziani. La più tradizionale forma di vendita, la bottega, è all’origine della storia di Coin: risale al 1926 l’apertura del primo negozio a Mirano, simbolo della nascita di un’azienda che ha sempre dialogato con il proprio territorio e ha subito puntato a una nuova forma commerciale, diversa dalla boutique elitaria: la catena di negozi di alta qualità. Con la successiva apertura negli anni '30 dei negozi di Dolo e Mestre-Barche comincia a delinearsi una nuova fisionomia che porterà all’affermazione della confezione pronta negli anni '40, in concomitanza con il passaggio della presidenza della società da Vittorio al figlio Alfonso.

Mirano, 1926: il primo negozio di una grande famiglia

Nell’immediato dopo guerra si apre una fase di ricostruzione e di sviluppo della rete vendita con la nascita di nuovi negozi e il ripristino dell'attività di Mirano, Dolo, Mestre: nel 1946 apre il negozio di Venezia a San Giovanni Grisostomo, nel 1947 quello di Padova, nel 1952 viene costituita la Coin Spa con sede a Trieste. Si arriva agli anni '60 con un ampliamento tale dei settori merceologici (casa, giocattoli, pelletteria, sport e profumeria) che i punti vendita possono essere ormai definiti “grandi magazzini” con vendita a reparti. Con questo periodo di grande espansione coincide anche l’apertura del Coin di Piazza V Giornate a Milano, tra i più grandi dell’epoca: un palazzo di dieci piani, costruito in base al principio di “vetrina totale”, grazie all’utilizzo prevalente di vetro e metallo.

Il 1968 è l’anno di nascita di una nuova catena di magazzini chiamata Coinette, pensata per le zone in cui non sono presenti i punti vendita Coin e che negli anni '70 darà origine ai negozi OVS, “Organizzazione Vendite Speciali”. Gli anni '80 sono un punto cardine nel processo di costante evoluzione dell’azienda e nella sua attenzione costante al consumatore: viene introdotto il concetto di “negozio nel negozio” e nel 1986 nasce la Coincard, la prima carta di credito al consumo nel settore abbigliamento in Italia.

I decenni successivi sono anni di grandi cambiamenti strategici e organizzativi, in cui Coin passa progressivamente da un classico sistema di gestione familiare a un’impostazione manageriale, al passo coi tempi e con le nuove sollecitazioni commerciali e sociali: sono gli anni dell’integrazione della rete La Standa, del restyling di Coin, del riposizionamento dell’insegna Oviesse in OVS Industry, dell’acquisizione di Upim e della catena Bernardi.

Da department store a department store premium, il passo è breve: nel 2014 apre a Roma il primo Coin Excelsior, seguito l’anno successivo dal negozio di Venezia. Procede così in un'ottica di costante ricerca ed evoluzione il rinnovamento del marchio sempre attento alla contemporaneità.

Coin Mestre, 1964

Coin Milano - Piazza V giornate, anni '60-70

Tra i progetti per il futuro di Coin, oltre all’apertura di nuovi Coin Excelsior in diverse città d’Italia, c’è la volontà di continuare a essere sempre un passo in avanti, attraverso la ristrutturazione dei negozi esistenti, lo sviluppo di nuove partnership e l’inserimento di nuovi brand, in un’ottica di costante ricerca e selezione per garantire un’offerta sempre più competitiva e all’avanguardia.

Coin S.r.l. con socio unico, C.F./P.IVA 04391480276, capitale sociale euro 30.000.000,00 i.v.