MID SEASON SALE SPECIALE CASA -20%


CHE SIA DA BERE, PER LAVARSI, PER COLTIVARE O CUCINARE


L’ACQUA È LA RISORSA PIU’ PREZIOSA CHE ABBIAMO A DISPOSIZIONE

E IN SITUAZIONI DI EMERGENZA IMMEDIATAMENTE SE NE SENTE LA MANCANZA


IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA,

RENDIAMO NOTI I RISULTATI DELLA CAMPAGNA DI COIN PER OXFAM


 

Il Natale 2023 ha portato un regalo importante: insieme siamo riusciti a garantire fondi che permetteranno di sostenere concretamente comunità che nella parte più sfortunata del mondo si trovano a fronteggiare emergenze quotidiane, portando loro 9 milioni di litri di acqua potabile. Un risultato alla cui realizzazione hanno collaborato più team, impegnati su fronti diversi, che insieme hanno contribuito a raccogliere la cifra di 107.600 euro.

GRAZIE quindi alla preziosa presenza delle centinaia di volontari Oxfam nei department store Coin di tutta Italia che hanno impacchettato i regali di chi ha scelto Coin per lo shopping natalizio! GRAZIE a Paula Cademartori, che ha disegnato in esclusiva per Oxfam una capsule prodotta e distribuita da Coin! GRAZIE a COIN che ha ospitato e promosso per il quarto anno consecutivo queste attività solidali.

GRAZIE a tutti voi per aver supportato questa iniziativa!


Ancora oggi nel mondo 1 persona su 4 non ha accesso a fonti d’acqua pulita per bere o lavarsi, mentre metà della popolazione mondiale non può contare su servizi igienico sanitari adeguati.

Nei paesi colpiti da conflitti, disastri naturali o crisi climatica, la mancanza di acqua moltiplica le vittime, esponendo le popolazioni a continue epidemie. L’acqua sporca o insicura può essere fino a 20 volte più letale della violenza diretta in contesti di conflitti prolungati, colpendo particolarmente bambini e donne.

In Africa orientale sono milioni gli sfollati in fuga da conflitti locali e da una siccità senza precedenti. Le piogge torrenziali e le inondazioni improvvise continuano a colpire. In Kenya, centinaia di persone sono morte e quasi mezzo milione sono sfollate da ottobre a causa delle piogge che hanno colpito 38 delle 47 contee del Paese, colpite da inondazioni improvvise. Le parti nord-orientali sono state le aree che più hanno riportato gravi danni alle case e alle infrastrutture. Le inondazioni sono arrivate sulla scia della siccità più prolungata della storia, che ha lasciato milioni di persone nell’insicurezza alimentare. Il programma WaSH in Kenya si occupa di sviluppo delle infrastrutture idriche (riabilitazione di serbatoi d'acqua rotti, tubature di distribuzione e siti di erogazione dell'acqua), oltre alla distribuzione di bustine per la purificazione dell'acqua e taniche per la conservazione della stessa.

Possiamo ora garantire 9 milioni di litri di acqua pulita da portare alle popolazioni locali. E possiamo farlo insieme grazie all’aiuto di tutti coloro hanno creduto e appoggiato il progetto.